Caro amico ti scrivo… una newsletter

Newsletter

Ho preso in prestito i primi versi della splendida canzone di Lucio Dalla perché nell’anno che verrà – ma anche in quello in corso – le aziende dovranno imparare a scrivere newsletter efficaci. L’avvento dei social network non deve lasciare indietro un potente strumento di marketing come questo, perciò cara azienda ti scrivo alcuni consigli per la costruzione di una e-mail a prova di bomba!

Attira l’attenzione mediante l’oggetto

Obiettivo: comunicare al meglio il contenuto della nostra mail per farci leggere. Come riuscirci?

L’oggetto perfetto deve contenere al massimo 50 caratteri e l’informazione principale deve essere inclusa nei primi 30. Questo perché il nostro sguardo riesce ad individuare meglio l’informazione che, se interessante, porterà alla prima lettura della mail.

esempio mail 1

esempio mail 2

Quale ti incuriosisce di più? Secondo me il secondo, perché l’obiettivo è quello di comunicare, nello specifico, il lancio del nuovo prodotto di Cippalippa srl.

È importante, inoltre, individuare il pubblico di riferimento. A chi è rivolta la newsletter? In questo caso stai interagendo con un pubblico prevalentemente femminile alle prese con le pulizie di casa,  quindi utilizza una terminologia adeguata che spinga a leggere, “al momento”, l’e-mail inviata. Evita di scrivere MAIUSCOLO e inserire parole come gratis, vinci, risparmia, perché vengono bloccate dai filtri anti-spam. Hai “vinto” se il cliente legge la mail e hai “perso” se il cliente non la legge, la cancella o contrassegna il messaggio come spam. Inutile dirti che perderai molte volte! 😉

Newsletter o email promozionale?

Newsletter: ha il compito di fornire le notizie principali per poi riportare il lettore direttamente a un blog o a un sito aziendale. Rappresenta l’antipasto da offrire al cliente che, per gustare tutte le portate, dovrà visitare la pagina del sito. Contenuti freschi di giornata che il cliente esige perché si è iscritto volontariamente alla newsletter. Sei già in vantaggio: conosce l’azienda e ti apprezza, non lo deludere! Cerca di capire cosa vuole, solo così lo conquisterai! Il lettore ha aperto la mail: hai lavorato sul titolo? Perché dopo l’oggetto, l’efficacia di un titolo è determinante per comunicare il messaggio principale. Anche in questo caso brevità e chiarezza vengono premiati.

Email promozionale: ha lo scopo di far vendere i prodotti della tua azienda. La call to action è obbligatoria per facilitare l’acquisto al cliente; dopodiché evita i muri di parole in “aziendalese”, ma prediligi brevi paragrafi separati da titoli, frasi concise ed elenchi puntati volti a illustrare i vantaggi della tua offerta.

E per finire, ti consiglio gli e-book “Email marketing con Mailchimp” e “Email marketing in pratica” di Alessandra Farebegoli, che ti guideranno passo passo nella realizzazione di una newsletter professionale.

 

Cara azienda, ti è arrivata la mia newsletter? 🙂

 

 

Photocredit: blog.softhrod.com